Enrico Murabito, il mio esordio in Promozione

Catania, 05/02/2019, è ora di pranzo, io sono in vacanza per le festività della Santa Patrona: S. Agata. SMS… non credo ai miei occhi! Vaiiii….ecco la prima designazione in Promozione! Si va a Siracusa giorno 8 per arbitrare Siracusa – Santa Croce di Camerina. Incredulo guardo il risultato dell’andata.

I giorni che hanno preceduto quello della gara li ho trascorsi nell’ attesa della partita in un misto di euforia e preoccupazione. Il grande giorno è arrivato!

Iniziamo questa bella trasferta e tra una chiacchiera e una risata siamo finalmente arrivati a Siracusa.

Al palazzetto, dopo l’ingresso in campo sono stato pervaso da una sensazione di ansia che non pensavo potessi avere.

I primi due quarti, può sembrare strano, sono stati i più “difficili” da superare complice anche il pensiero di arbitrare giocatori molto più grandi di me.

Man mano che la partita trascorreva mi sentivo molto più sicuro di me e delle mie decisioni, aiutato e incoraggiato dai tanti consigli di Andrea ad ogni sospensione ed intervallo mi sono reso conto che ero in partita.

Nel terzo e nel quarto quarto mi sono divertito di più e ho continuato la gara in modo più tranquillo e meno ansiolitico: la prima è sempre la prima!

Nel corso della partita mi sono accorto che il livello della Promozione è nettamente superiore rispetto a quello che arbitro di solito; sono stati necessari maggiore attenzione e concentrazione. Il tempo scorre via veloce, sono felice e la partita combattuta, giocata velocemente arriva al termine. Vince la squadra di casa di 10 punti. Proprio una bella gara.

In tribuna, qualcuno per me davvero speciale, assisteva al mio esordio. Io non me ne sono reso conto. L’emozione è tantissima. I miei genitori mi hanno fatto proprio una bellissima sorpresa. Loro sono certo, tifavano per me!

L’adrenalina è a mille, non sto nella pelle. Mi sono davvero divertito, bellissima esperienza.
Adesso attendo ansioso la prossima designazione, che sperò arriverà prestissimo.

Enrico Murabito

Be the first to comment

Rispondi