La prima volta non si dimentica mai!…Enrico Murabito

Domenica 17 dicembre alle ore 19.00 chiamata di Andrea Parisi “ Disponibile per una partita” Certo!
Così inizia la mia settimana, con una partita da arbitrare al Cus alle 19.45 insieme al mio collega nonché  amico Matteo Alongi. Inutile dire che qualche ora prima sembravo un malato di Parkinson per l’ emozione maaaa… tutt’ apposto.

Ore 18.15 stop ai compiti e preparazione per la partita. Preparo lo zaino con penne, riga e referti e sono pronto per la partenza. Arrivato al Cus  incontro già Matteo e Andrea Parisi che ci guiderà fino alla fine della partita.

Insieme a Matteo (primo arbitro) iniziamo a controllare defibrillatore e l’ addetto ad esso. Dopodiché il mio collega comincia a scrivere il referto.
Aspettando la squadra fuori casa facciamo il riconoscimento della squadra A.
Arrivata in ritardo la squadra B, a causa di una ruota bucata a una macchina che trasportava dei componenti, fa subito riconoscimento e riscaldamento e tutti in panchina. Pronti per la partita…!!!

Matteo fischia alza la palla, io braccio alzato e si comincia. GO!  Provo una sensazione di ansia ma nel frattempo anche di orgoglio perché dopo tanti sacrifici sono riuscito ad arbitrare. La partita  fila liscia e grazie ad Andrea riusciamo a cavarcela.

Certamente non potevamo essere perfetti ma ..eh … siamo sempre alla prima partita e credo che io e Matteo abbiamo fatto una bella partita. Alla fine della gara Andrea Parisi ci porta nello spogliatoio arbitri e comincia a farci un resoconto della partita. Anche secondo lui la gara non è andata male ma c’ è stato qualche errore nelle  segnalazioni al tavolo, sul posto ma anche di posizione. In definitiva dico che è stata una magnifica esperienza e spero che ogni partita io riesca a migliorare.

Infine devo ringraziare i miei istruttori Andrea Parisi, Luca Moschitto e Andrea Federico Castorina che mi hanno portato, grazie alla loro esperienza,  a realizzare  questo sogno!!! 

Enrico Maria Murabito

 

Be the first to comment

Rispondi